DIARIO DI GUERRA DI UN SEDICENNE

Giuseppe Spina
La Fondazione della RSI – Istituto Storico di Terranuova Bracciolini (AR) ha curato la riedizione del diario di Giuseppe Spina, combattente della Repubblica Sociale Italiana, tra i pochi ad aver avuto il “battesimo del fuoco” lungo la Linea Gustav nella lontana Primavera del 1944. Queste memorie, presentate in un lavoro di 224 pagine curato dall’Ing. Arturo Conti Presidente della Fondazione della RSI, rappresentano uno spaccato di straordinario impatto sulla esperienza della Repubblica Sociale Italiana. Infatti, il giovanissimo Volontario Spina, classe 1928, non solo riuscì a partecipare ad operazioni belliche nella zona di Cassino in un reparto specializzato della GNR ma, dopo il ripiegamento, inquadrato nella II Brigata Nera “Attilio Prato”, visse il drammatico periodo della guerra civile in Piemonte. La testimonianza di Spina assume tutto il suo valore dal fatto che essa è contemporanea agli eventi e non è una rielaborazione romanzata e/o epurata tipica delle memorie scritte anni dopo i fatti. Proprio per questo, la Fondazione della RSI ha voluto riproporre il suo diario nella certezza che i lettori e gli studiosi che consulteranno il testo potranno ritrovare tra le righe una chiarezza e una sincerità difficilmente riscontrabili in altri testi. Un volume, quindi, fondamentale per comprendere la “scelta” per la Repubblica Sociale Italiana.

Reviews

Reviewed: 2019-07-28

Dall’ultima di copertina. 

Dalle note del diario redatto, in forma affrettata e su pezzi di carta di ogni tipo tra il 1944 e il 1945, l’autore ha desunto un memoriale inserito in un’ampia cornice di valutazioni esplicative delle profonde motivazioni che spinsero decine di migliaia di studenti e apprendisti operai ad accorrere nelle formazioni militari della Repubblica Sociale Italiana.

Item Posts
No posts